In primo piano

Molto rumore per nulla

Ai docenti, al personale ATA, al DSGA

 

Faccio riferimento ad una delle commedie di Shakespeare che amo di più per provare a descrivere in sintesi le mie sensazioni rispetto alle ultime settimane.
Ancora una volta la Scuola, protagonista indiscussa alla corda.
Contesa tra l’emergenza epidemiologica, la contingenza della campagna vaccinale ed invocata dalle famiglie in qualità di risorsa e servizio.
In questo lungo surreale anno della pandemia mi sono fortemente ancorata ai pilastri e alle finalità della Scuola.
Formazione, Educazione, Istruzione, Servizio, Empatia, Volontà, Strategie… una vita che pulsa, che non può essere sintetizzata attraverso meri obiettivi.
Ho la fortuna di respirare e percepire tali certezze attraverso il nostro reciproco scambio e vi ringrazio.
Nella sua unicità, ciascuno di voi le evoca e le manifesta nell’interpretazione del proprio ruolo.
Per me rappresentate un punto fermo di riferimento.
La Scuola, quella vera, senza polemiche e chiacchere ha un unico ingrediente che fa la differenza rispetto alle altre professioni: l’impegno che fonde persona e professionalità in uno sforzo teso alla costruzione dell’identità dei bambini e dei ragazzi che ci sono affidati.
Mai avrei potuto trovare persone e professionalità migliori.
Il mio augurio di una Pasqua serena a voi tutti e alle vostre famiglie.
Con il sole della Primavera nel cuore.
Grazie… di tutto.


Manuela